Ultima modifica: 30 Gennaio 2017
ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE BARZANÒ > Amministrazione trasparente > Dati relativi ai premi > Regolamento e funzionamento del comitato di valutazione

Regolamento e funzionamento del comitato di valutazione

Istituto Comprensivo di Barzanò SEDE: Via Leonardo da Vinci, 22 – 23891 Barzanò (Lecco) C.F. 85001820134- Cod. Min. LCIC80800X Tel. 039.955044 / 039.9272537 – Fax 039.9287473 e-mail: lcic80800x@istruzione.it REGOLAMENTO / FUNZIONAMENTO DEL COMITATO DI VALUTAZIONE per l’attribuzione del merito e la valorizzazione della funzione docente. Art.1 COMPOSIZIONE Come da Legge 107/15, comma 129, in sostituzione    »

Istituto Comprensivo di Barzanò

SEDE: Via Leonardo da Vinci, 22 – 23891 Barzanò (Lecco) C.F. 85001820134- Cod. Min. LCIC80800X Tel. 039.955044 / 039.9272537 – Fax 039.9287473 e-mail: lcic80800x@istruzione.it

REGOLAMENTO /
FUNZIONAMENTO DEL COMITATO DI VALUTAZIONE per l’attribuzione del merito e la valorizzazione della funzione docente.

Art.1 COMPOSIZIONE

Come da Legge 107/15, comma 129, in sostituzione dell’articolo 11 del testo unico di cui al decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297:
«Art. 11. ‐‐ (Comitato per la valutazione dei docenti). Presso ogni istituzione scolastica ed educativa è istituito, senza nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica, il comitato per la valutazione dei docenti. 2. Il comitato ha durata di tre anni scolastici, è presieduto dal dirigente scolastico ed è costituito dai seguenti componenti: a) tre docenti dell’istituzione scolastica, di cui due scelti dal collegio dei docenti e uno dal consiglio di istituto; b) due rappresentanti dei genitori, per la scuola dell’infanzia e per il primo ciclo di istruzione (Omissis), scelti dal consiglio di istituto; c) un componente esterno individuato dall’Ufficio scolastico regionale (Omissis).”

Art. 2 MANDATO ISTITUZIONALE

La legge 107/15 istituisce il Comitato con il compito istituzionale di individuare i criteri per l’attribuzione del merito docenti, come da art. 129: “Il comitato individua i criteri per la valorizzazione dei docenti sulla base: a) della qualità dell’insegnamento e del contributo al miglioramento dell’istituzione scolastica, nonché del successo formativo e scolastico degli studenti; b) dei risultati ottenuti dal docente o dal gruppo di docenti in relazione al potenziamento delle competenze degli alunni e dell’innovazione didattica e metodologica, nonché della collaborazione alla ricerca didattica, alla documentazione e alla diffusione di buone pratiche didattiche; c) delle responsabilità assunte nel coordinamento organizzativo e didattico e nella formazione del personale”. Tali criteri saranno varati entro il mese di maggio per l’a.s. 2015/16 e entro il 31 gennaio di ogni anno successivo in caso di richiesta di revisione per intervenute modifiche e/o su richiesta del DS e/o del 50% più un membro del Comitato stesso.

Art. 3 CONVOCAZIONE

Il Comitato di Valutazione viene convocato con atto formale del Dirigente scolastico, che lo presiede, almeno 5 giorni prima della data individuata con l’indicazione dell’o.d.g., sentito il componente esterno individuato dall’Ufficio scolastico regionale. Le riunioni vengono verbalizzate. Allo scopo, viene individuato un segretario.

Art. 4 VALIDITA’ DELLE SESSIONI DI LAVORO

In quanto organo non perfetto, le sessioni di lavoro del CdV sono valide alla presenza della maggioranza dei membri di diritto e le decisioni sono assunte a maggioranza dei voti validamente espressi. In caso di parità, prevale il voto del Presidente.

Prot. N. 309/A02 del 18/01/2017

ISTRUZIONE

OPERATIVA PER IL

Art. 5 SURROGHE E SOSTITUZIONI

In caso di decadenza, trasferimento, rinuncia o dimissioni dei membri del CdV, ci si atterrà alle eventuali note esplicative del MIUR per le surroghe del caso, fatto comunque salvo il principio della legittimità delle elezioni da parte degli organismi preposti – come da Legge 107/15 comma 129 – e la legittimità delle riunioni la cui validità è espressa dalla presenza della maggioranza degli aventi diritto non decaduti.

Art. 6 DEFINIZIONE DEI CRITERI DI VALORIZZAZIONE DELLA FUNZIONE DOCENTE

Il CdV definisce i criteri di valorizzazione della funzione docente alla luce del dettato normativo, del POF, del PdM e del PTOF di Istituto. I criteri sono rivedibili su richiesta motivata del Ds e/o della maggioranza dei membri validamente eletti nel comitato.

I prerequisiti per la valorizzazione del ruolo docente sono individuati nei seguenti:

  •   Contratto a tempo indeterminato;
  •   Assenza di azioni disciplinari in corso e/o sanzioni erogate nell’a.s. di riferimento;
  •   Presenza in servizio per un congruo numero di giorni (90%);
  •   Partecipazione ad attività di formazione didattico-metodologica

    La premialità viene individuata nella applicabilità di almeno 2 dei tre ambiti previsti dalla normativa vigente (LEGGE 107/15: QUALITA’ – RISULTATI OTTENUTI – RESPONSABILITA’ ASSUNTE NEL COORDINAMENTO ORGANIZZATIVO).

    Criteri economici:

  • –  Verrà valorizzata una percentuale di docenti compresa tra il 20 e il 30 %.
  • –  Per l’a.s. 2016/2017 il Bonus verrà distribuito in 3 fasce definite in ordine di punteggio secondo le

    seguenti modalità:
    1^ fascia – 50% del Bonus a 1/3 dei docenti premiati (massimo 10 %); 2^ fascia – 30% del Bonus a 1/3 dei docenti premiati (massimo 10 %); 3^ fascia – 20% del Bonus a 1/3 dei docenti premiati (massimo 10 %).

    Art. 7 RACCOLTA DATI

    Si ritiene opportuna la raccolta degli elementi valutativi alla luce dei criteri declinati in indicatori attraverso una scheda /format condivisa la cui compilazione viene – previo comunicato specifico del DS – richiesta direttamente ai docenti.
    Ciò comporta la precisazione ai docenti del fatto

    •   che le dichiarazioni mendaci rappresentano falso in atto pubblico e debbono essere documentabili/verificabili;
    •   tali dichiarazioni non escludono, anzi casomai indirizzano, il controllo del DS, cui spetta l’attribuzione del bonus alla luce di criteri stabiliti dal Comitato;
    •   che alcuni indicatori possono essere di mera pertinenza del DS in termini di attribuzione alla luce della loro documentabilità.

      Art. 8 REVISIONE DEL REGOLAMENTO

      Il presente regolamento è rivedibile su richiesta motivata del Ds e/o della maggioranza dei membri facenti parte.
      Il Comitato si riunirà comunque nei primi mesi del prossimo anno per una valutazione dei risultati.

Il Comitato di Valutazione




I cookies ci aiutano a migliorare il sito. Questo sito utilizza cookies tecnici ed analitici ed utilizzandolo accetti i cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi